Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 63

Dragon Trainer

Informazioni aggiuntive

  • Sinossi:


    Dai creatori di "Shrek", "Madagascar" e "Kung Fu Panda" arriva "Dragon Trainer", una commedia d'avventura ambientata in un mondo mitico popolato da corpulenti vichinghi e draghi sputa fuoco; basato sul libro di Cressida Cowell, il film racconta la storia dell'adolescente vichingo Hic, che vive sull'isola di Berk, dove combattere i draghi è uno stile di vita.

    L'opinione piuttosto progressista del giovane vichingo e il suo senso dell'umorismo mal si conciliano però con gli ideali della sua tribù e del suo capo, nonché padre, Stoick l’Immenso. Quando Hic viene incluso nel "corso anti drago" con gli altri giovani vichinghi Astrid, Moccicoso, Gambedipesce, e i due gemelli Testa Bruta e Testa di Tufo - Hic vede la possibilità di dimostrare di possedere le doti che servono per essere un combattente.

    Quando incontra (e ne diviene amico) un drago ferito, il suo mondo e le sue convinzioni vengono totalmente sconvolti, e ciò che era iniziato come un'opportunità per dimostrare il suo valore si trasformerà in un'occasione per stabilire un nuovo corso per il futuro di tutta la sua tribù. L’unico che fin dall’inizio della storia crede in Hic è Skaracchio Ruttans, l'istruttore del corso anti drago.

    E’ l'unico a riconoscere le potenzialità del giovane Hic, anche quando il padre, Stoick, resterà chiuso nel suo scetticismo riguardo le abilità del figlio, finché non sarà costretto a ricredersi. La storia del film si basa su uno scontro continuo tra i vichinghi e i draghi, in quanto gli uomini odiano e draghi anche se quando essi si stanziarono nell’isola di Berk questi enormi bastioni erano già lì. E li odiano perché i draghi sono i loro parassiti ma, diversamente da quelli più conosciuti e ancora esistenti, come i piccioni e le puzzole che possono rovinare giardini e sporcare gli ingressi delle case, essi si impadroniscono del bestiame e distruggono interi villaggi.

    Il capo dei vichinghi, come già abbiamo avuto occasione di scrivere, è Stoick l’Immenso, un enorme guerriero che ha, per suo grande dolore un figlio, gracile e minutino, appunto, Hic. Come farà, si chiede Stoick a presentare alla tribù, come suo erede, quel ragazzo tanto diverso da lui? E il grande guerriero e così dispiaciuto che quando si confida con il suo unico vero amico Skaracchio Ruttans non lo ascolta quand’egli gli dice di considerare quanto Hic sia intelligente. Il ragazzo, a sua volta, è affascinato da questo padre possente, vorrebbe assomigliargli e diventare un vichingo come lui. Per questo motivo egli è contento quando viene inserito nel corso “Antidrago” tenuto per i giovani della tribù da Skaracchio Ruttans. Durante le lezioni incontra gli altri ragazzi che frequentano il corso come lui tra cui Moccicoso, (il nome è tutto un programma!) Gamba di Pesce, Testa Bruta e Testa di Tufo che non brillano certo di intelligenza. Ma, soprattutto, conosce Astrid, una giovane vichinga di cui egli segretamente si innamora.

    Tutto cambia per Hic quando incontra Sdentato, un giovane drago che egli riesce a catturare con un sistema di corde a cui taglia una parte della coda, con cui fa amicizia e, attraverso il quale, scopre il mondo dei draghi come un altro mondo ma simile a quello dei vichinghi. Se gli uomini sono adirati con i bestioni che rubano e distruggono (ma a parte alcuni lo fanno solo per sopravvivere a una forza più grande di loro) anche i draghi sono infuriati con i vichinghi che hanno invaso la loro terra. Hic e il bestione ferito diventano amici, anzi Hic cura l’animale fino a guarirlo e costruisce una coda giusta per lui.

    L’amicizia arriva a tal punto che il ragazzo vuole far conoscere l’animale ad Astrid che, appena lo vede, neanche si impaurisce ma se ne va disgustata da questa situazione, considerando Hic indegno di appartenere al popolo dei vichinghi. Hic impara a volare sopra Sdentato e riesce anche a guidarlo con un sistema da lui creato. Un giorno Astrid si convince a salire sul bestione e il viaggio per lei ed Hic è pauroso e bellissimo insieme, fino a che Sdentato li porta dentro una grande montagna dove i ragazzi scoprono l’esistenza di un enorme, orribile bestia cui i draghi sono costretti a portare da mangiare.

    La situazione precipita quando Sdentato entra nel circo del villaggio per salvare Hic e viene catturato. Stoick, attraverso, il drago in catene scopre dov’è l’isola in cui c’è l’antro dei draghi e con le sue navi parte per distruggerli lasciando Hic e i ragazzi nel villaggio.

    Stoick giunto davanti alla grande montagna comprende chi è il vero nemico e se non fosse per Hic e i suoi amici, i vichinghi sarebbero tutti distrutti ma Hic arriva… e … dopo che Stoick, compreso tutto, libera Sdentato, il ragazzo e il drago amico ingaggiano una tremenda battaglia con il mostro, vincono ma…

  • Genere: Animazione
  • Destinatari: Scuole di ogni Ordine e Grado
  • Approfondimenti:

    E adesso parliamo di draghi

    Riassumendo tutti i miti presenti nel film, i registi decisero che i vichinghi arrivarono sull'isola di Berk circa sette generazioni prima del momento in cui il film ha inizio. e nel momento in cui misero piede sull'isola si verificò il primo attacco da parte di un drago, e i vichinghi che essendo vichinghi sono estremamente testardi, rifiutarono da subito l'idea di abbandonare la nuova terra scelta per il loro insediamento. furono da subito determinati a restare e a combattere, combattere e vincere, non importava quanto tempo sarebbe servito. gli attacchi da parte dei draghi avvengono spesso di notte, ciò vuol dire che durante il giorno i draghi debbano per forza essere da qualche altra parte. solo se i vichinghi riusciranno a trovare il nido dei draghi e distruggerlo allora potranno davvero far cessare gli attacchi notturni e finalmente vivere in pace, dopo oltre 300 anni.

    "Dragon Trainer" inizia opportunamente con un attacco notturno dei draghi al villaggio vichingo, orde di draghi dalle razze più disparate, incendiano le case e fanno razzia delle pecore. Dean DeBlois, spiega, "E' stato molto importante per me e Chris iniziare il film con questa grande battaglia, per stabilire subito i confini e gli elementi della storia, la fantasia, l'azione e l'avventura, oltre a chiarire la guerra che corre tra i vichinghi e i draghi. Volevamo dare al pubblico un grande scossone, con molta concitazione e molta azione, lasciando comunque trasparire che si trattava anche di una storia di amore ed emozioni. il film è comunque attraversato da grandi ed eccitanti sequenze di battaglia". da draghi, molti draghi...

    "Nel libro della Cowell i draghi parlavano, avevano un loro linguaggio originale, ma noi abbiamo scelto di rappresentarli come animali veri e propri, quindi senza il dono della parola. Penso che la scelta sia stata in parte imputabile al fatto che i draghi dovessero rappresentare qualcosa di ingovernabile e selvaggio agli occhi dei vichinghi; inoltre questa scelta ha reso il lavoro degli animatori molto più interessante, i quali sono stati impegnati a dare personalità diverse a diversi draghi, con il solo ausilio della mimica, questo processo è stato ancor più esaustivo grazie al 3D; tutto questo credo differenzi il nostro film dagli altri film sui draghi," commenta Arnold.

    Delle molte razze di draghi presenti nel libro della Cowell, i registi hanno deciso di concentrarsi su sei in particolare, molto differenti tra loro, e mentre nella battaglia iniziale ognuno di essi riceve una breve introduzione, è durante il corso anti-drago che le loro personalità e caratteristiche vengono sviscerate ad ogni lezione. Il film inoltre mostra una scena in cui Hic sta sfogliando il manuale dei draghi nel quale, pagine su pagine sono riempite da miriadi di informazioni su ogni razza di drago conosciuta--"questo è stato il nostro modo di far capire al pubblica quanto vasta fosse la popolazione dei draghi che continuamente attaccavano il villaggio. grazie al manuale i vichinghi potevano sapere i pericoli in cui potevano incorrere andando a caccia, a pesca, arrampicandosi su una montagna, o su un albero, e grazie all'escamotage del manuale abbiamo potuto rendere meglio la grande complessità e la pericolosità del vivere vichingo" aggiunge Chris Sanders.

    I registi erano così impegnati a creare la ricca e variegata mitologia di Berk, i vichinghi e i draghi, fecero di tutto per creare al meglio la propria versione di Norse nella realtà.

    Per Sanders: "Come un bambino, volevo sapere tutto sui draghi, volevo sapere davvero ogni cosa, ad un certo punto volevo sapere quale era il drago più grande, quello più compatto, quello più pesante e una miriade di altre cose, allora chiesi al supervisore degli effetti visivi Craig Ring se c'è un modo per calcolare il volumi dei draghi, in un primo momento ha detto di no, ma io sapevo che potevano. Ed entro 24 ore, è tornato da me e mi disse: 'Va bene, hanno trovato un modo per farlo.' Quello che hanno fatto è stato mettere palline da ping pong virtuali all'interno di ogni drago. Riempiendo sostanzialmente ogni drago, cosi calcolando le palline e il loro volume si otteneva il volume del drago, cosi, in questo modo mi diedero tutte le risposte che cercavo, qualora ve lo stiate chiedendo... il drago più grande è il testa doppia Orripilante Bizippo e il Gronkio è il secondo ".

    Dopo che Hic riesce a colpire e abbattere un drago nel corso della battaglia iniziale del film--fatto passato inosservato agli occhi di tutti gli abitanti del villaggio, visto il caos che regnava sovrano-- Hic crede che quella potrebbe essere la chance di diventare un uomo e varcare la soglia che lo divideva dal diventare un vichingo a tutti gli effetti.

    Jay Baruchel racconta, "Crede di avere ucciso la cosa, ma non ci crede fino in fondo, perche la voce dentro di sé, quella di suo padre, gli ricorda che lui mai riuscirà ad uccidere un drago. cercando di capire dove sia caduto il corpo del drago che lui era sicuro di aver colpito, e trovandolo, ci si ritrova faccia a faccia e capisce che cosi come i vichinghi avevano paura dei draghi, tanto i draghi avevano paura dei vichinghi. cosi invece di ucciderlo, decise di liberarlo. si forma così poco a poco un rapporto sempre più forte tra i due, un po’ come quello che abbiamo visto in Zanna Bianca. All'inizio un rapporto teso ma che poi diverrà un rapporto magico."

    Chris Sanders mette in evidenza l'emotività della scena: "rilasciando il drago, comincia la rotazione di tutto l'intreccio del film. questa scelta rivela inoltre ad Hic una orribile verità. lui arriva nella scena come se avesse vissuto in funzione dell'essere un vichingo ed uccidere un drago...mentre da quel momento avrebbe detto, ' sono un vichingo, sono un vichingo, e posso fare questo.' ma quando la scena è finita e lui torna a casa, e comprende che non sarebbe mai diventato il vichingo che il padre desiderava".

    Head of Story Alessandro Carloni analizza più profondamente:"Il punto interessante del film, da quel momento in poi, è che, durante il giorno, Hic cerca di diventare il vichingo che tutti si aspettano, partecipando al corso anti-drago, mentre di notte continua a stringere amicizia con un drago e impara ad amarlo. cosi la seconda parte del film è incentrata sul contrasto tra l'amore per il nemico e l'imparare ad ucciderlo".

    Quel nemico è in realtà una delle razze di drago più misteriose e sconosciute ai vichinghi, è un Furia Buia. Queste creature nere sono probabilmente la razza più temuta dai vichinghi, attacca di notte in maniera quasi invisibile ed impercettibile agli occhi fin quando non sputa fuoco sul bersaglio prescelto, con forza precisa ed altamente distruttiva.

    Sanders, spiega, "Il disegno di Sdentato era governato da una necessità, se Hic, un vichingo stava facendo amicizia con un drago, una cosa estremamente proibita, dovevamo creare il drago definitivo." "Abbiamo optato per il colore più scuro possibile", continua DeBlois, "un personaggio del genere si nasconde nelle tenebre, incute il massimo timore ai vichinghi perche in realtà nessuno di loro ne ha mai visto uno. per questo doveva avere un aspetto diverso e riconoscibile rispetto a tutti gli altri draghi. Molti dei draghi rappresentati infatti hanno caratteristiche distintive e sono rappresentati in maniera cool, con colori e texture sgargianti. per Sdentato invece abbiamo pensato ad un personaggio un po’ più elegante e raffinato, aerodinamico e grazioso. abbiamo iniziato a pensare a creature come i grandi felini, le pantere nere e non tanto ai rettili. questa è la direzione che abbiamo deciso di percorrere, soprattutto pensando allo sguardo di Sdentato, che poi è il tratto distintivo che avrà molta importanza nella scena della liberazione da parte di Hic. L'equivalente più simile alla nostra idea erano i grandi occhi di un gatto o di un lupo, penetranti e potenti, questa idea di partenza l'abbiamo poi mixata con un accenno dal mondo dei rettili, per l'affinità col mondo dei draghi. alla fine siamo arrivati ad ottenere l'espressività di Sdentato".

    Il capo dell’animazione dei personaggi Simon Otto: "seguendo la visione del direttore e scenografo,Kathy Altieri, che mi ha spiegato come lei volesse veder realizzato il film, mi chiedevo: 'Che tipo di animazione può rendere al meglio questa storia in questo mondo?' In questo caso, abbiamo uomini e draghi. Gli umani sono personaggi fantastici che sono estremamente divertenti, ma debbono anche raccontare una storia credibile che provochi empatia con il pubblico, e questo era già di per se una sfida; dall'altra parte abbiamo i draghi; ho dovuto dividere il mio tempo e il mio lavoro tra questi due mondi, cercando nel mondo animale qualsiasi elemento potesse aiutarmi nella realizzazione dei nostri draghi-- uccelli, pipistrelli,rettili, mammiferi--. quando furono scelte le sembianze del gatto/pantera nera, abbiamo iniziato ad includere riferimenti anche ai canguri e altre creature un po’ strane con le quali di solito non siamo abituati, e mixando il tutto abbiamo ottenuto una creatura con la quale sia Hic sia il pubblico troveranno molto simpatica".

    Forse il più comico dei Draghi è il Gronkio, che sembrava essere il favorito dalla produzione e dallo staff (a parte Sdentato, naturalmente). qualcuno lo ha definito un "coccodrillo che incontra un Harley Davidson," a causa della sua ingombrante forma da ippopotamo, con relativamente piccole ali da ape. questa razza di drago potrebbe, data la loro pigrizia, addirittura addormentarsi durante il volo.

    Chris Sanders: "questi draghi, i Gronki sono davvero piacevoli, socievoli e simpatici, il genere di tipi col quale si vorrebbe uscire dopo il lavoro".

    Ma non fatevi ingannare dal suo potenziale aspetto comico, Dean DeBlois aggiunge: "Loro lanciano tocchi di lava fusa, derivante dall'ingestione di rocce non digerite, e le sputa come palle di cannone. è uno dei draghi più lenti e stupidi che ci siano, ma forse è proprio per questa ragione che risultano anche simpatici e divertenti."

    L’Uncinato Mortale è una stella in fuga, più simile ad un pappagallo, con i suoi colori luminosi, e una certa capacità di ragionamento-- per essere un drago è molto subdolo e intelligente. Ma sono anche terribilmente viziosi, e simili ai dinosauri Raptors per la loro tendenza alla battaglia diretta con la preda.

    Come un uccello, tuttavia, ha una vista poco sviluppata, questo può essere inficiante in alcune battaglie, e rappresenta il suo punto debole, il trucco per il vichingo è usare del magnesio e farlo brillare come un fuoco d'artificio. Come è noto, il subito riconoscibile, due teste Orripilante Bizippo è il più grande dei draghi del film, - probabilmente anche il più apprezzato se lo chiedete ai registi - e al contrario di Sanders e DeBlois, Bizippo divide le sue forze e le sue capacita, infatti con una testa sputa gas altamente infiammabile e con l'altra lo accende.

    Purtroppo però difficilmente le due teste vanno d'accordo, come invece accade ai nostri registi, e visto che per sferrare attacchi realmente distruttivi dovrebbero lavorare in tandem, purtroppo la maggior parte delle volte perdono di vista il loro obiettivo e si dedichino a litigi confusi e molto animati.

    Il Chihuahua del mondo dei draghi, il Terrore Terribile è il più piccolo e più abbondante tra i draghi e uno dei favoriti dalla produzione per le sue piccole dimensioni e l'atteggiamento enorme. La sua dinamica di gruppo è simile a quella dei gabbiani; nonostante l'elevato numero di esemplari e le potenzialità dell'intero gruppo, ogni singolo individuo pensa in modo egoistico alla propria sopravvivenza, provocando lotte intestine e l'impossibilità di creare una qualsiasi gerarchia. incapace di volare sulle lunghe distanze a volte preferisce cavalcare gli altri draghi più grandi.

    Forse il più "classico" delle creature del film, l’Incubo Orrendo quello che più assomiglia ai draghi di un tempo, sono belligeranti e cercano sempre di colpire un vichingo appena possono. il loro fuoco è particolarmente dannoso, è un gel appiccicoso formato da combustibili che ricopre e incendia ogni bersaglio sul quale viene sputato. Sono vistosi e dall'atteggiamento da rock star, Gli Incubi sono capaci di avvolgersi completamente nel loro stesso gel infiammabile e darsi fuoco senza bruciare, aumentando così l'effetto terrore. per la loro forza e la loro pericolosità questa razza rappresenta l'ultimo step del percorso formativo che i giovani vichinghi del corso anti-drago saranno tenuti a sostenere. e solo il più valoroso e meritevole degli studenti avrà l'onore di combattere con esso, mentre tutto il villaggio seguirà dalle tribune. questa situazione fomenta a dismisura l'ego spavaldo dell'esibizionista Incubo Orrendo.

    Chris Sanders si affretta a sottolineare, "Nessun drago condivide caratteristiche con altri draghi, dal fuoco alla corazza, dalle armi al segreto... ogni drago è unico. Per assicurarci questo abbiamo lavorato tantissimo e duramente. Ogni drago può battere un altro drago con un trucchetto e inoltre ogni drago ha una sua debolezza o tallone d'Achille. Devo ammettere che questa è la cosa che più ho amato dell'intero progetto".

    Draghi, vichinghi e la battaglia finale

    La battaglia finale è il momento culminante del film. Troviamo Hic e Sdentato a volare su e giù nel cielo, nel bel mezzo della più grande battaglia che l'isola di Berk abbia mai visto – forse rappresenta la battaglia più grande che la DreamWorks animation abbia mai realizzato.

    Durante l'ascesa del protagonista, Hic salta fuori da un’unica gigante colonna di fuoco, "grande quanto un vero campo da football, è enorme, e quando l'abbiamo vista per la prima volta, Dean ed io stavamo urlando come bambini di 3 anni... e in 3D è solo peggio, voglio dire...meglio… scherza Sanders.

    "Dragon Trainer" non è solo la storia in 3D di Hic e Sdentato, ma anche la fotografia mozzafiato, i movimenti di camera e le angolazioni sono tra le realizzazioni più riuscite e apprezzate dell'intero progetto, opera dell'otto volte Oscar ®, Roger Deakins, una personalità nel business del cinema- nominato per la sua splendida fotografia in film come "Il dubbio", "Non è un paese per vecchi" e "fratello, dove sei??."

    Dopo che Deakins è stato invitato dallo studio, Sanders e DeBlois lo deliziarono col loro progetto e lui accettò l'incarico come consulente di Kathy Altieri (scenografo), Craig Ring (supervisore degli effetti visivi) e Gil Zimmerman (capo del layout).

    Per DeBlois: "Roger ha influenzato la scelta delle lenti, il lavoro della camera oltre alle luci- la sua sofisticazione fatta di scuri ricchi e profondi e minimalisti o l'uso di luce naturale è qualcosa che non succede spesso nel mondo dell'animazione. così l'effetto finale da l'impressione che questo film senta-- come se vivesse e respirasse--come un film girato dal vivo, nel miglior modo possibile. tutto questo è stato reso possibile dalla poetica semplicità che solo Roger poteva apportare al mix".

    E dove ci sono draghi, c'è fuoco-- tanto tanto fuoco. Testa di effetti Matt Baer: "In questo film, abbiamo avuto quello che abbiamo chiamato 'il giorno degli effetti speciali', cosi che sia il team di RedWood City sia quello di Glendale hanno lavorato insieme per un giorno. abbiamo affittato giochi pirotecnici classici e siamo andati a testarli nel parcheggio sul retro, e per ogni show che avevamo in lavorazione, incluso "Dragon Trainer", gli chiedemmo di mostrarci gli attuali effetti speciali che stava creando. cosi per tutto il giorno, fece ogni sorta di esplosione possibile, ha creato il fuoco rosso e il fuoco blu, facendo saltare in aria vari vetri e cose del genere. il bello di tutto ciò e che abbiamo girato tutto con le telecamere che catturavano da quattrocento a mille fotogrammi al secondo. cosi non appena aver digitalizzato il tutto , fu una grande risorsa per tutti noi poter aver la registrazione visiva di ciò che succedeva mixando diversi colori ed elementi per ottenere i diversi tipi di fuoco e di incendio.

    In linea con il dictact dello studio, secondo il quale ogni film sarebbe dovuto esser realizzato in 3D stereoscopico, i registi avevano dalla loro la possibilità di trasportare alla vita cinematografica il mondo over-size e testosteronico dei vichinghi.

    Vichinghi e draghi per sempre insieme

    Tutti coloro che entravano a far parte del mondo di Hic e Sdentato erano molto entusiasti del progetto, a partire dal produttore esecutivo Tim Johnson: “Ciò che affascina dei draghi è che ovunque sulla Terra, dal lontano Oriente all’Europa, ognuno ha il proprio mito dei draghi. È qualcosa che fa parte del genere umano, creare questi mostri nobili, selvaggi e terrificanti. Le storie dei mostri sono parte di ogni cultura. Superare le proprie paure per queste cose, dell'ignoto, come un bambino, è parte dei racconti di ogni cultura. Essere parte di quel tipo di tradizione, prendere un animale lontano culturalmente come un drago, decidere raccontare la nostra storia usando i libri di Cressida Cowell e riportarlo in una storia di draghi del ventunesimo secolo è stato uno dei più grandi onori e sfide del lavorare sul film”.

    “Voglio che il pubblico provi l’ebbrezza del volo come in un parco giochi. Ma è fondamentale sottolineare come il film sia di ispirazione, ha speranza, fa ridere, è divertente, è tenero”, dice il produttore Bonnie Arnold. “Inoltre, ha un messaggio importante. Hic è un ragazzo ottimista e di belle speranze. Aiuta il nemico mortale del suo villaggio, e questa relazione tra Hic e Sdentato, cambia il mondo per il meglio”.

    "Gli effetti speciali in questo film sono incredibili", aggiunge lo scrittore / direttore Dean DeBlois. "L'animazione, la recitazione, sono incredibili. L'illuminazione, le scene ed i disegni, sono ad un tale livello fuoriclasse che non potrei esserne più felice. Mi meraviglio ogni giorno di cosa siamo riusciti a creare. Sono orgoglioso di questo film e spero che le persone vedano la cura che vi abbiamo messo nel farlo” . Si unisce a questo sentimento il regista / autore Chris Sanders, “Abbiamo voluto che ‘Dragon Trainer’ divenisse un’esperienza mitica.

    È un mondo di vichinghi e draghi, di ali squamate e spade di ferro. Facciamo decollare il nostro pubblico da terra nell'aria pulita dell’artico sulle schiene di mostri volanti. Viaggiamo nell’anima di un mondo pericoloso e di una relazione impossibile con creature antiche che sono esistite solamente nelle pagine di libri. Non si dimenticheranno questi personaggi e questi luoghi…”

  • Spunti di Riflessione:

    di L.D.F.

    1) Da dove provenivano i vichinghi?

    2) I vichinghi inizialmente erano pirati che depredavano le coste vicine al loro paese ma, all’inizio del Medioevo, questo popolo giunse attraverso continue conquiste:

    a) In Francia e più precisamente in Normandia dove si stanziò

    b) Nel 1066 in Inghilterra e, sotto il comando di Guglielmo Il Conquistatore, sottomise i sassoni

    c) In Sicilia e nel sud dell’Italia, dove fondò un regno e dove, nel 1070, uno dei suoi capi Ruggero, detto appunto il Normanno, venne incorato re

    d) In Ucraina, attraverso le grandi vie fluviali, dove fondò il principato di Kiev

    Effettuate ricerche in merito alle suddette informazioni rispondendo alle seguenti domande:

    a) Quale fu la reazione dei sassoni quando i normanni li vinsero?

    b) Quale fu il popolo che venne scacciato dai vichinghi (già da allora conosciuti esclusivamente come normanni) quando occuparono la Sicilia?

    c) Guardando una carta geografica dell’Europa, stabilite da quale mare i normanni partirono per giungere a Kiev e quali fiumi navigarono.

    3) I draghi vivono, da sempre, nell’immaginario collettivo dell’umanità. Anticamente, quando si credeva alla loro esistenza, venivano considerati crudeli, forti, violenti e pericolosi. Nella letteratura per bambini o in alcuni film, vengono invece descritti, teneri, bisognosi di aiuto e amici dell’uomo. Ricordate qualche titolo di libro che avete letto o qualche film che avete visto in cui i draghi vengono descritti così?

    4) Perché il capo dei vichinghi dell’isola di Berk, Stoick, detto l’Immenso, è deluso da Hic, suo figlio?

    5) Hic non è forte come suo padre e vorrebbe tanto esserlo ma, convinto di non poter catturare un drago con le armi in mano, come gli altri guerrieri della sua tribù, si inventa un sistema particolare e, finalmente, riesce a catturare un bestione. Quale sistema si è inventato Hic per la cattura?

    6) Hic è riuscito a prendere uno dei draghi considerati più pericolosi dai vichinghi (quelli tutti neri che nella notte non si vedono); ma davvero quest’animale mette tanta paura a voi e ad Hic?

    7) Perché Hic non riesce ad uccidere il bestione che si chiama Sdentato e perché lo libera?

    8) Qual è la prima reazione di Sdentato quando viene liberato da Hic? E subito dopo?

    9) Tra i vichinghi c’è un detto: “un drago che non vola è un drago morto”. Quando Hic si accorge che Sdentato non può volare? E perché? E’ per colpa di Hic oppure…?

    10) Quando e come, drago e ragazzo, fanno amicizia?

    11) Quando e come Hic riesce a far volare di nuovo Sdentato e a fare in modo che egli lo possa cavalcare, spaziando per il cielo?

    12) Quando Stoick, il padre di Hic, decide, pur senza alcuna speranza che diventi un guerriero, di far partecipare il figlio al corso anti-drago?

    13) Hic nel corso antidrago si trova con

    a) Skaracchio Ruttans, l’istruttore

    b) Astrid, piccola, feroce, guerriera molto graziosa

    c) Moccicoso, il cui nome è tutto un programma

    d) Gambadipesce che, volendo fare l’eroe, non ne combina una giusta

    e) Testa Bruta e Testa di Tufo, due gemelli che pensano solo a superarsi l’una con l’altro

    Descrivete a parole vostre questi personaggi.

    14) Hic, attraverso Sdentato, comincia a capire la psicologia dei draghi al punto che…

    15) Cosa fa Hic ai draghi di allenamento del circo del villaggio invece di combatterli, lasciando Skaracchio e i suoi compagni e tutta la tribù pieni di stupore? E, nel frattempo, dove è andato Stoick che non sa nulla della misteriosa magia del figlio?

    16) Qual è la prima reazione di Astrid quando Hic le fa conoscere Sdentato? E dopo?

    17) Dove Sdentato porta Hic e Astrid, quando la ragazza accetta di cavalcarlo? Prima il volo è avventuroso, poi fiabesco e poi pauroso. Perché? In quale orribile luogo, alla fine del viaggio, il drago porta i due ragazzi?

    18) Cosa accade al circo della tribù quando Hic viene scelto tra i suoi compagni per uccidere il suo primo drago e così diventare un uomo secondo le regole dei vichinghi? E perché, in questa occasione, è necessario l’intervento di Sdentato per salvare il ragazzo?

    19) Come Stoick, deluso dal comportamento del figlio, scopre da Sdentato dov’è l’isola in cui vivono i draghi?

    20) Qual è la sorpresa che i vichinghi si trovano di fronte quando, sbarcati sull’isola dei mostri, si affacciano nella caverna dove abitano (o dovrebbero abitare) i draghi?

    21) Mentre i vichinghi stanno perdendo la loro battaglia, a Hic, rimasto con i suoi amici al villaggio, viene un’idea. Quale?

    22) La battaglia infuria ed all’inizio è a sfavore dei vichinghi, quando Hic e i compagni arrivano sul luogo dello scontro. I ragazzi come sono giunti sull’isola ?

    23) Sdentato, intanto, legato su una nave andata a fuoco, sta annegando. Chi è colui che lo salva?

    24) La lotta finale avviene tra un mostruoso bestione e Hic a cavallo di Sdentato mentre i compagni fanno del loro meglio per aiutarlo. Come si svolge lo scontro e, alla fine, chi vince?

    25) Sdentato riesce a salvare Hic dalle grinfie dell’enorme drago ma, mentre Hic uccide la bestia cosa accade al ragazzo?

    26) Come finisce il film? Vi è piaciuto il finale anche se …? Esprimete la vostra opinione in merito.

Letto 17415 volte

Video

Indice dei Film

I Più Visti negli ultimi 6 mesi

Has no content to show!